Matched Betting, il primo investimento alla portata di tutti

Hai appena scoperto il mondo degli investimenti ma non sai da dove iniziare?

Il Matched Betting, che consideriamo il metodo più accessibile per entrare nel mondo degli investimenti in quanto alla portata anche di chi ha un portafoglio ridotto, può essere la risposta alle tue domande e il primo step per iniziare ad allenare il tuo mindset.

Il Matched Betting, oltre a non richiedere un particolare investimento, richiede anche relativamente poco tempo, mediamente 20 minuti al giorno.

Questo tipo di investimento non necessita di un’importante formazione, vedremo più approfonditamente in questo articolo cos’è il Matched Betting, come funziona il Matched Betting, quali software utilizzare per fare Matched Betting e infine, quanto budget serve per fare Matched Betting.

Cos’è il matched betting?

Il Matched Betting è lo studio dei match sportivi per ottenere un guadagno matematico derivante dallo sfruttamento del bonus offerto dai vari bookmaker. Ma, abbiamo precedentemente detto che questo tipo di investimento non richiede una particolare formazione e ora parliamo di studio dei match sportivi?

Non preoccuparti, questo studio e calcolo viene fatto attraverso alcuni software che ti verranno in aiuto semplificando il tuo lavoro, si tratta di algoritmi di calcolo in vendita ad un prezzo inferiore ai 30 euro mensili.
Vedremo più avanti da vicino questi software e quale scegliere.

Facciamo subito un esempio per iniziare a capire come funziona il matched betting: prendiamo una partita, come il derby di Milano Milan-Inter, andremo a scommettere sul primo bookmaker la vittoria del Milan, a questo punto, su un altro bookmaker dovremo bancare la scommessa, ovvero fare una scommessa che va contro la prima, nel nostro caso quindi, scommetteremo che il milan non vinca, per vincere questa seconda scommessa è sufficiente che il match termini con un pareggio o una vittoria dell’Inter.

Come ci viene in aiuto il software? Il software ci aiuterà a capire la cifra esatta da scommettere sul primo bookmaker e quella da bancare sul secondo bookmaker.

Bene, ma se fosse sufficiente scommettere su due bookmaker diversi, lo farebbero tutti, probabilmente è questo quello che stai pensando.

Ti sbagli, le quote offerte dai bookmaker sono calcolate affinché siano sempre i bookmaker a guadagnarci, per tale motivo con le tue prime scommesse andrai inevitabilmente a perdere dei soldi, l’obiettivo è guadagnare una cifra più alta sbloccando il bonus offerto dal bookmaker.

Detto questo, dobbiamo precisare che esistono diversi tipi di bonus:

bonus di benvenuto: viene ricevuto sul conto al momento del deposito, sono quelli che ci interessano maggiormente in quanto più proficui;
bonus ricorrenti: sono bonus, solitamente di importo ridotto, che offrono i bookmaker per incentivare le giocate;
bonus personali: bonus ottenibili dopo una certa spesa, per premiare la tua fedeltà;

Cerchiamo di capire meglio. Quello che dobbiamo fare è puntare il bonus, quindi soldi non nostri, e bancare la scommessa su un altro bookmaker, l’obiettivo è perdere i soldi puntati (che ricordiamo, non sono nostri) e guadagnarli dall’altra parte, sul bookmaker utilizzato per effettuare la bancata.

A seconda del bookmaker ovviamente, esistono regole precise sul bonus di benvenuto, nei casi più semplici si tratta di un importo che deve essere scommesso su una quota minima, in altri casi si tratta di una percentuale sull’importo speso in un determinato periodo (con un tetto massimo di bonus), nei casi più complicati si tratta di un importo che deve essere giocato un numero minimo di volte per diventare saldo reale. Proprio per questo motivo, l’obiettivo è perdere la scommessa con il bonus sul primo bookmaker e ritrovarsi i soldi sul secondo bookmaker.

I bonus di benvenuto, come abbiamo detto, sono quelli che permettono di raggiungere un guadagno maggiore, tuttavia anche i bonus ricorrenti sono utili e consentono un guadagno nel tempo, anche dopo il primo periodo, questi ultimi però, richiedono un impegno maggiore, in quanto bisogna prestare attenzioni alle comunicazioni via email che si ricevono dai siti di scommesse.

guadagnare con il matched betting

I software per fare Matched Betting

Come abbiamo detto precedentemente, grazie ad alcuni software che eseguono calcoli in base alla variazione delle quote, potrai dedicarti al matched betting veramente per pochi minuti al giorno e trarne comunque profitto.

Tra i vari software in commercio, noi di Investhero ti consigliamo Guadagno Matematico, ovviamente, come tutte le cose che consigliamo, prima le testiamo sulla nostra pelle.
Si tratta di un software molto semplice da usare, con guide dettagliate, un blog di supporto e assistenza via chat.

All’interno del blog di Guadagno Matematico sono presenti inoltre altre guide per guadagnare con altri tipi di scommesse, ad esempio le sure bet, oltre a guide su come guadagnare con i bookmaker anche nei mesi successivi al bonus iniziale. Guadagno Matematico costa 27 euro al mese, 147 euro per la licenza annuale.

Iscriviti a Guadagno Matematico 

 

Matched Betting Guadagno Matematico Software

I vantaggi del Matched Betting

Innanzitutto, rapportando la mole di lavoro in termini di tempo con il guadagno portato, il guadagno effettivo è altissimo e la retribuzione oraria è superiore anche a quella di un manager di una multinazionale.

In secondo luogo,  si tratta di un’entrata esente dalle tasse, in quanto in Italia le scommesse sportive non vengono tassate.

Il matched betting è uno strumento straordinario per chi inizia, per produrre guadagno in modo semplice e veloce, da spendere però in maniera intelligente, stiamo parlando in ottica di investimenti, quindi il matched betting può essere il punto di partenza per produrre denaro da mettere a lavorare, da investire successivamente oppure da investire in formazione.
Inoltre richiede poco tempo, indicativamente mezz’ora al giorno all’inizio quando ancora non si è pratici, ma poi si velocizzano le pratiche diventando esperti.

Il Matched Betting è un lavoro?

In un certo senso il matched betting può essere considerato a tutti gli effetti un lavoro, ovviamente nel momento in cui si iniziano a gestire diversi account su molti bookmaker è fondamentale e necessario automatizzare il processo, se scegliete di farvi aiutare da una o più persone, con un minimo di controllo su queste, è possibile creare anche un’ entrata semi-automatica.

Se sei interessato al Matched Betting, ma non sai da dove iniziare, ti consigliamo il Corso di Matched Betting Base.

Se invece conosci già questo tipo di investimento, e vuoi farlo evolvere e scalare in un’attività professionale, ti consigliamo il corso dei nostri amici Alby & Alex, Corso Matched PRO.

 

Alessandro Del Saggio on EmailAlessandro Del Saggio on FacebookAlessandro Del Saggio on InstagramAlessandro Del Saggio on Youtube
Alessandro Del Saggio
Smart Investor
Investitore, Trader indipendente, formatore e ricercatore grafico dal 2014.
Da sempre appassionato di investimenti e imprenditoria, credo nella crescita personale e nel miglioramento costante.

In questi anni ho investito in oltre 23 settori differenti e 6 nazioni.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *